Dentisti in Croazia specializzati in implantologia, protesica dentale, parodontologia e trattamenti di chirurgia estetica del viso minimamente invasiva
preventivi via e-mail: clinica.abbazia@gmail.com - telefono: 00 385 98 609 792 (parliamo Italiano)
dentisti croazia

Dentisti Croazia | Chi siamo | Dove siamo | Come raggiungerci | Listino prezzi | Preventivi online | Odontoiatria | Chirurgia estetica
Impianti dentali | Protesi fissa e mobile | Protesi combinata | Protesi a carico immediato | Parodontite | Otturazioni | Devitalizzazioni | Igiene orale | Sterilizzazione | BLOG
Botox | Fili di biostimolazione | Face lift | Filler ialuronico | Aqualyx | Vampire facelift | Sbiancamento denti

Dentisti Croazia - principale
Dove siamo e come raggiungerci
Listino prezzi
Richiesta preventivo via e-mail
BLOG

preventivo dentisti
clinica.abbazia@gmail.com

Clinica "Bilek" Abbazia
Via Marsala Tita 65
Abbazia (Opatija) - Croazia
tel. 00385 98 609 792
(telefono info - parliamo l'Italiano)


parodontite
Completa cura contro la parodontite (ablazione tartaro, sabbiatura, trattamento laser, curettage, cellule staminali isolate dal sangue del paziente): 652,00 €uro

Parodontologia - parodontite (piorrea)

Dentisti Croazia

La parodontite (nel linguaggio comune è talvolta ancora in uso il termine analogo di piorrea) è un'infiammazione dei tessuti parodontali, che determina una perdita d'attacco dei denti che poi risulta in formazione di tasche parodontali, denti che non sono stabili, gengive che sanguinano, ascessi e suppurazioni, fino alla perdita dei denti in un stadio avanzato.
Tale processo risulta reversibile se viene curato nelle sue prime fasi. Con il progredire della malattia, la possibilità di recupero diventa più difficile e richiede trattamenti più complessi. In ogni caso, il buon esito della cura della parodontite non dipende solo dal dentista parodontologo ma soprattutto dal comportamento del paziente. Per avere un buon risultato della cura, viene richiesta la collaborazione assoluta del paziente con una giusta igiene orale (non solo regolare ma anche fatta nel modo giusto) di qui i nostri dentisti istruiscono il paziente.
Le cure più comuni che colleghiamo con la cura della parodontite sono prima di tutto una pulizia dentale professionale che prevede l'ablazione del tartaro e sabbiatura dei denti. Questa di solito viene seguita da trattamenti di curettage delle tasche parodontali e ozonoterapia per minimizzare la formazione di batteri che provocano queste infiammazioni. In alcuni casi vengono presi dei campioni per delle analisi batteriologiche per potere agire nel modo appropriato con dei appositi medicinali. Il primo trattamento contro la parodontite viene fatto in una sola giornata (diluendo in due sedute durante il giorno) oppure può essere fatto in due giorni consecutivi. Preferiamo farlo in uno di questi modi proprio per impedire la migrazione dei batteri da una parte del cavo orale (che ancora non è stata trattata) ad altre parti trattate. Dopo di questo il paziente ritorna a casa con delle precisi istruzioni che devono essere regolarmente seguite visto che altrimenti il risultato non può essere garantito. Nel caso di pazienti dove per vari motivi questo non può essere assicurato preferiamo prevedere delle soluzioni più radicali che fare perdere al paziente tempo (e denaro) per delle cure con l'esito più che incerto. Perciò, la valutazione dei interventi da fare e il modo da procedere viene fatto separatamente da caso a caso, tenendo conto di tutti gli aspetti che possono influire ad un buon esito finale.

Tasche gengivali

Le tasche gengivali rappresentano un canale stretto e non profondo, che si trova ai lati del dente. Nelle normali condizioni, questo solco è profondo fino a tre millimetri mentre quando sono presenti delle paradontopatie può raggiungere e superare i quattro e più millimetri.

In determinate condizioni il solco gengivale può aumentare la propria profondità, e in tal caso parliamo di una tasca gengivale. Le cause di questo fenomeno principalmente derivano dalla deposizione di placca, che se non viene regolarmente e nel modo coretto rimossa, provoca la distruzione dell'epitelio solcare. Questo per difendersi, migra più in profondità. I batteri e le tossine create da questi batteri, provocano la gengivite, che si manifesta con sanguinamenti gengivali prodotti anche nel caso di minimi traumi come per esempio quando si va a spazzolare i denti. Di seguito si ritirano le gengive, allontanandosi dalla sua sede originale ed oltre ad essere non estetiche, espongono le radici dei denti. Nella seguente fase anche l'osso si riassorbe con un risultato finale che porta a denti non stabili, malamente ancorati nell'osso, denti che poi spesso devono essere tolti. La presenza di placca e del tartaro sotto le gengive è responsabile della progressione della malattia. Si assiste di seguito ad un assorbimento dell'osso che fa che i denti diventano mobili e, in assenza di un trattamento, questi cadono anche quando sono perfettamente sani dalla carie. Questo rischio di perdita del dente non è quindi legato direttamente alla tasca gengivale, quanto piuttosto al assorbimento dell'osso.

La formazione di questo fenomeno è strettamente legato alla presenza di placca batterica, ma anche molti altri fattori, come fumo, stress, gravidanza e pubertà, terapie farmacologiche, predisposizione genetica, diabete ed altre possibili patologie. I sintomi che possono essere collegati ad una malattia parodontale: gengive sanguinanti, gonfie o arrossate, alitosi, mobilità dei denti e comparsa di spazi tra i denti, recessioni delle gengive con esposizione delle radici del dente ed altri.

Comunque da notare che le tasche gengivali possono approfondirsi in assenza di sintomi evidenti. Purtroppo, molte volte ci si accorge della malattia parodontale soltanto quando raggiunge una fase avanzata, caratterizzata dal aumento di mobilità dei denti. Purtroppo, in questa fase spesso le terapie parodontali non possono dare dei buoni risultati. Le tasche gengivali nello studio odontoiatrico vengono diagnosticate tramite un sondaggio parodontale, che si effettua inserendo con molta delicatezza una sonda tra il dente ed il margine gengivale, misurando la profondità di questo spazio in punti diversi di ogni dente. Se le gengive sono sane, la profondità del solco è di 1, 2 o massimo 3 mm. Valori superiori ai 4 mm di profondità sono da considerarsi patologici. Per la prevenzione nella formazione delle tasche gengivali, lo spazzolino e dentifricio non sono sufficienti, ma possono divenirlo se abbinati all'uso del filo interdentale ed eventualmente anche un idropulsore. Il tutto dovrebbe essere abbinato ad una pulizia professionale ogni sei - otto mesi nello studio dentistico.

Nella nostra clinica viene svolta la procedura di pulizia professionale che consiste della ablazione tartaro con ultrasuono (Cavitron) che può essere abbinata anche ad una pulizia con sabbiatura dentale. Il costo della pulizia normale di tutto il cavo orale corrisponde a 34,00 €uro mentre se abbinata con sabbiatura il costo corrisponde a 55,00 €uro.